Demenza, chi dorme più di nove ore a notte ha un rischio maggiore? - Residenza Villa Arcadia

Carenza di ferro, aumenta il rischio cardiovascolare?


Che relazione c’è tra la salute cardiovascolare e i livelli di ferro nell’organismo? Chi presenta una carenza di questo prezioso minerale ha un maggior rischio cardiovascolare? Le evidenze prodotte dalla ricerca scientifica non sono ancora definitive e hanno fornito Leggi altro

Diverticolite, niente alcolici e bevande gassate


Quando i diverticoli, non solo si sono formati, ma si sono anche infiammati, si è colpiti da diverticolite. Il trattamento di questo disturbo del tratto gastrointestinale prevede nei casi non gravi l’adesione a una dieta particolare, oltre che la Leggi altro

Salute dei reni, quanta acqua bere?


Il nostro corpo è costituito in buona parte da acqua, in una percentuale che tocca quasi il 60%. È impossibile vivere senz’acqua ed è necessario mantenerne l’equilibrio interno soprattutto durante la stagione calda, quando attraverso il sudore ne espelliamo Leggi altro

Demenza, chi dorme più di nove ore a notte ha un rischio maggiore?


Il sonno in eccesso come potenziale marcatore del rischio di demenza. Dormire regolarmente oltre nove ore a notte sarebbe infatti associato a un rischio doppio di sviluppare demenza nell’arco di dieci anni rispetto a chi, ogni notte, ne passa Leggi altro

Longevità e benessere, aumentano negli anziani altruisti


Vivono più a lungo e vivono meglio le persone che, in età avanzata, si prendono cura degli altri con un atteggiamento di supporto e aiuto, che tiene però conto del “ama il prossimo tuo come te stesso, non più Leggi altro

Il sonno in eccesso come potenziale marcatore del rischio di demenza. Dormire regolarmente oltre nove ore a notte sarebbe infatti associato a un rischio doppio di sviluppare demenza nell’arco di dieci anni rispetto a chi, ogni notte, ne passa a letto di meno. Ne parliamo con la dottoressa Lara Fratticci, neurologa di Humanitas.

Un team della Boston University School of Medicine (Stati Uniti) ha analizzato i dati del Framingham Heart Study riferiti a poco meno di 2500 persone per valutare l’associazione tra il sonno e il rischio di demenza. I partecipanti avevano auto-riferito le loro abitudini notturne ed erano stati osservati per 10 anni per valutare l’incidenza di qualsiasi forma di demenza, anche quella dovuta alla malattia di Alzheimer. Nel corso di un decennio sono stati rilevati 234 casi di demenza. Lo studio è stato pubblicato su Neurology.

Ebbene, dall’analisi dei dati a disposizione, gli scienziati hanno individuato la “soglia critica” delle 9 ore: oltre, il rischio di sviluppare demenza sarebbe maggiore.

«La ricerca – spiega la dottoressa Fratticci – ha rilevato come i partecipanti che dormissero più a lungo avevano un volume cerebrale ridotto e questo dato potrebbe essere relazionato all’associazione tra il rischio di demenza e l’eccesso di sonno: chi aveva un volume cerebrale ridotto aveva necessità di dormire oltre nove ore. L’eccesso di sonno potrebbe accreditarsi come un marcatore predittivo del possibile sviluppo di demenza, non tanto come sua conseguenza quanto come suo sintomo».

Nei pazienti con malattie neurodegenerative il sonno è disturbato

«Chi riferisce di dormire molto a lungo – continua – meriterebbe una valutazione più attenta da parte di un neurologo delle proprie capacità cerebrali e delle proprie funzioni cognitive. I disturbi del sonno – ricorda la dottoressa – vanno sempre segnalati allo specialista in ottica preventiva».

Se l’associazione tra il rischio di demenza e i disturbi del sonno intesi come necessità a dormire troppo, è un’acquisizione recente, la correlazione con le malattie neurodegenerative è ormai nota: «Nei pazienti con demenza a corpi di Lewy, con malattia di Parkinson e Atrofia multisistemica si verifica una disregolazione del ciclo sonno/veglia, spesso evidenza di un disturbo del comportamento in  fase REM del sonno, e frequenti risvegli notturni», conclude la specialista.

Fonte: Humanitas

Aggiungi un commento