Diverticolite, niente alcolici e bevande gassate - Residenza Villa Arcadia

Carenza di ferro, aumenta il rischio cardiovascolare?


Che relazione c’è tra la salute cardiovascolare e i livelli di ferro nell’organismo? Chi presenta una carenza di questo prezioso minerale ha un maggior rischio cardiovascolare? Le evidenze prodotte dalla ricerca scientifica non sono ancora definitive e hanno fornito Leggi altro

Diverticolite, niente alcolici e bevande gassate


Quando i diverticoli, non solo si sono formati, ma si sono anche infiammati, si è colpiti da diverticolite. Il trattamento di questo disturbo del tratto gastrointestinale prevede nei casi non gravi l’adesione a una dieta particolare, oltre che la Leggi altro

Salute dei reni, quanta acqua bere?


Il nostro corpo è costituito in buona parte da acqua, in una percentuale che tocca quasi il 60%. È impossibile vivere senz’acqua ed è necessario mantenerne l’equilibrio interno soprattutto durante la stagione calda, quando attraverso il sudore ne espelliamo Leggi altro

Demenza, chi dorme più di nove ore a notte ha un rischio maggiore?


Il sonno in eccesso come potenziale marcatore del rischio di demenza. Dormire regolarmente oltre nove ore a notte sarebbe infatti associato a un rischio doppio di sviluppare demenza nell’arco di dieci anni rispetto a chi, ogni notte, ne passa Leggi altro

Longevità e benessere, aumentano negli anziani altruisti


Vivono più a lungo e vivono meglio le persone che, in età avanzata, si prendono cura degli altri con un atteggiamento di supporto e aiuto, che tiene però conto del “ama il prossimo tuo come te stesso, non più Leggi altro

Quando i diverticoli, non solo si sono formati, ma si sono anche infiammati, si è colpiti da diverticolite. Il trattamento di questo disturbo del tratto gastrointestinale prevede nei casi non gravi l’adesione a una dieta particolare, oltre che la terapia farmacologica. Ma con i diverticoli infiammati cosa è più indicato bere e cosa, invece, è meglio non ingerire? Ne parliamo con la dottoressa Beatrice Salvioli, gastroenterologa di Humanitas.

I diverticoli sono delle piccole “tasche” che possono formarsi lungo le pareti del colon, in particolare nella parte sinistra. La loro formazione, che prende il nome di diverticolosi, è piuttosto comune dopo i 40 anni. Ma la semplice presenza di questi “palloncini” non è sintomatica: ciò a cui bisogna prestare attenzione è l’infiammazione dei diverticoli, ovvero alla diverticolite.

(Per approfondire leggi qui: Diverticolite, rischi anche da una dieta ricca di carne rossa?)

Se si avvertono sintomi come dolori addominali o costipazione ecco che la diverticolosi si sta trasformando in malattia diverticolare mentre la comparsa di altri sintomi, come la febbre o nausea e vomito, segnala l’infiammazione in corso.

La dieta

Per il trattamento di casi non complicati di diverticolite si dovrà aderire a una dieta adeguata: «Se c’è già un’infiammazione in atto, comprovata sia dall’esame clinico che di laboratorio (es. alti indici di infiammazione), la prima cosa da suggerire al paziente, in termini di dieta, è l’eliminazione delle scorie, ovvero frutta, cereali, verdure, per almeno una settimana», spiega la dottoressa Salvioli.

«Importante è idratarsi adeguatamente, soprattutto durante la stagione calda, quando i diverticoli si fanno maggiormente sentire. Ovviamente vanno eliminati anche sughi e intingoli e cibi elaborati e fritti. Praticamente una dieta leggera ed in bianco».

Tra i liquidi è ammessa solo l’acqua

«Se c’è un’infiammazione dei diverticoli, è meglio bere solamente acqua naturale ed evitare alcolici e bevande gassate e/o zuccherate. L’olio per condire è concesso», conclude la specialista.

Fonte: Humanitas

Aggiungi un commento